La cristalloterapia per animali
Postato da     feb 5, 2018     Home    2Commenti
La cristalloterapia per animali

La cristalloterapia per animali

Uno strumento meraviglioso proveniente dalla natura per aiutare i nostri amici animali (e anche per noi!) è costituito dai cristalli.

La struttura, la differente provenienza e formazione conferiscono loro caratteristiche uniche di colore, brillantezza, trasparenza ma soprattutto energia e vibrazione specifica per ogni cristallo. In più la forma, la dimensione e l’intensità del colore forniscono ulteriori e differenti qualità alla vibrazione.

I cristalli si usano quando è necessario riequilibrare dal punto di vista energetico l’animale, per ristabilire lo stato di benessere psico-fisico.

Le situazioni che richiedono l’uso dei cristalli sono le più varie:

l’adozione, il cambio di casa, di abitudini e anche di alimentazione, la separazione dal proprietario, la gravidanza o la castrazione, la ripresa post trauma o malattia, la vecchiaia e in linea generale tutti quegli avvenimenti che provocano situazioni di stress ai nostri amici.

Per quanto riguarda la scelta del cristallo, dopo aver valutato attentamente il disagio dell’animale, io procedo selezionando intuitivamente quello o quelli che lo accompagneranno per quanto sarà necessario.

A volte basta un solo cristallo, altre volte un cristallo e un altro come “aiuto e supporto”, altre volte, dopo un po’ di tempo, il cristallo sarà sostituto da un altro, in altri casi il cristallo accompagna i rimedi floreali.

I cristalli si usano fino a quando non verrà ripristinato nuovamente lo stato di equilibrio dopo di che possono essere purificati e conservati. Se si dovessero rompere consiglio di restituirli alla Terra da cui provengono sia seppellendoli che lasciandoli nel letto di un fiume.

Come si usano i cristalli per aiutare gli animali è decisamente la parte più creativa.

La classica seduta di cristalloterapia con i cristalli appoggiati sul corpo, tranne che l’animale sia profondamente addormentato o in una situazione di forzata immobilità, è praticamente da dimenticare.

Consiglio quindi di porre il cristallo nei pressi del luogo dove l’animale riposa facendo attenzione che non possa essere rotto o ancor peggio ingerito (a volte faccio cucire una taschina per il cristallo nella copertina preferita). I quarzi ametista o ancor meglio piccole druse di ametista diventano irresistibili per i gatti che si strusciano e si coccolano per lungo tempo su di loro. Ho posto pìù volte del quarzo rosa grezzo e di grandi dimensioni nei box dei cavalli appeso in alto e loro ogni tanto gli danno una leccatina.

I cristalli possono essere “custoditi” in piccoli sacchettini in fibre naturali come il cotone e la canapa e appesi come piccolo pendente al collare, oppure sempre con fili di provenienza naturale vengono realizzati appositi supporti personalizzati sempre da appendere-agganciare-cucire al collare. Attenzione: vanno sempre cuciti e fissati bene in modo tale che non scivolino e che l’animale possa ingerirli.

Solo alcuni tipi di cristallo possono essere utilizzati per realizzare l’elisir (rivolgetevi ad un esperto per la scelta, alcuni cristalli, se posti in acqua, liberano sostanze tossiche): il cristallo viene lasciato per una notte intera in una caraffa in vetro trasparente con buona acqua (in teoria sarebbe acqua di fonte, noi ci accontentiamo di buona acqua minerale...) che il giorno dopo viene data all’animale. Il cristallo viene lasciato asciugare e può essere riusato, mai e per nessun motivo va lasciato nella ciotola... A questo proposito ricordo che quando si usano rimedi vibrazionali come elisir di cristallo o floreali è adatta una ciotola di plastica e non di metallo.

Tutti i cristalli scelti, sia per i nostri amici animali che per noi (anelli, braccialetti, collane, pendenti, ecc.), prima dell’uso vanno puliti e programmati: fasi fondamentali e imprescindibili che consentono al cristallo di aiutare e “lavorare” nel miglior modo possibile e ai nostri amici e a noi di beneficiare di tutte le sue vibrazioni .

Per una seduta di cristalloterapia, per cristalli, per informazioni e chiarimenti potete scrivermi a pia@loradeglianimali.it oppure potete rivolgervi al vostro negozio preferito de L’ora degli animali.

Testo non riproducibile in toto ne’ in parte.

2Commenti

    • Avatar
      monica
      mag 23, 2018

      Molto interessante questo articolo, mi domandavo se per ogni tipo di cane c\'è un cristallo che interagisce meglio di altri oppure se è il disagio che stabilisce quale cristallo utilizzare.

    • Avatar
      monica
      mag 28, 2018

      Esistono dei cristalli specifici oltre che per disagi/problemi particolari, a seconda delle razze? Sto per acquistare un golden retriever presso il centromydog di Giaveno e cerco metodi alternativi per prendermene cura. Grazie!

Rispondi

* Nome
* Email: (Non pubblicato)
   Sito web: (Url sito con http://)
* Commento:
Codice